MESAGNE

Viaggio della memoria ad Auschwitz

"Ho già scritto più di venti libri su quegli anni

E, a volte, ho l'impressione di non aver nemmeno iniziato;

ho l'impressione che la memoria completa, dettagliata,

sia ancora sepolta dentro di me

e che quando sorgerà dal suo nascondiglio

sgorgherà, forte e vigorosa, per giorni e giorni."

"Le parole, non hanno la forza di fronteggiare le grandi catastrofi...

Sono povere, misere, insignificanti.

Nemmeno le antiche preghiere hanno la forza di affrontare disgrazie così grandi".

"Storia di una vita" di Aharon Appelfeld

Guarda progetto: http://www.iissferdinando.it/shoah

 

Anche quest'anno la sezione scientifica dell'Istituto "Epifanio Ferdinando" di Mesagne ha voluto continuare la propria opera di sensibilizzazione nei confronti della più grande tragedia umana mai perpetrata da uomini contro altri uomini: la Shoah. Volta per volta, cerchiamo di approfondire, con l'aiuto di esperti e con l'entusiasmo dei nostri alunni, aspetti particolari e argomenti cruciali che hanno determinato e reso possibile e concreta quella immane e vergognosa tragedia che distrusse la vita e la storia di milioni di persone nell'Europa nazista e fascista degli anni 30/40 del secolo scorso. Nei mesi scorsi abbiamo approfondito, in numerosi incontri, la situazione storica dell'Europa tra le due guerre mondiali, il ruolo della propaganda nelle dittature nazi-fasciste, il contenuto delle leggi razziali in Germania e in Italia, la questione ebraica in Europa, tratteremo la storia della resistenza europea al nazifascismo e in particolare gli episodi della resistenza ebraica nei ghetti europei e nei campi di concentramento e di sterminio cercando di comprendere il significato della memoria e il senso del male nella cultura e nella religiosità ebraica. Tappe di un percorso di avvicinamento alla visita di un luogo simbolo della Shoah: i campi di sterminio di Auschwitz-Birkenau in Polonia, a pochi chilometri dalla città di Cracovia. All'interno di questo percorso di conoscenza, abbiamo voluto soffermare la nostra attenzione sul destino di tanti uomini e donne, di diversa nazionalità, che pur godendo di grande notorietà per i propri meriti sportivi, non sfuggirono al comune e tragico destino dell'annientamento. Uomini e donne che avevano dato lustro, con le loro vittorie e con i loro record, a tante nazioni europee, arrestati, deportati, uccisi e anche dimenticati. I loro record e le loro vittorie cancellate, i loro nomi dimenticati... Come racconta lo storico Sergio Giuntini nel suo libro "Sport e Shoah": "Si calcola che tra le vittime del nazifascismo,(circa sei milioni di persone), il martirologio sportivo sia composto da circa sessantamila atleti, di cui 220 di alto livello". Abbiamo pensato che vi sia ancora un dovere di riconoscimento nei confronti delle loro vite e delle loro imprese sportive ed abbiamo cercato di ricucire in parte lo strappo nella memoria collettiva ricordando alcuni di loro attraverso una mostra. Memorie che tornano in vita ... ricordi che riportano in vita; persone, sportivi, uomini e donne, ebrei, zingari, oppositori del nazismo, che abbiamo voluto cercare di far rivivere, raccontando piccoli pezzi della loro storia ... uguale a quella di tantissimi altri.

A tutti loro, il nostro riconoscimento, attraverso questo piccolo contributo.

 

Si ringraziano

Gli alunni delle classi Quarte A-B-C della sezione Scientifica dell'I.I.S.S. "Epifanio Ferdinando" di Mesagne che hanno partecipato al progetto "Giovani e Memoria 2016-2017" realizzando la mostra "La Shoah degli sportivi" ed hanno effettuato la traduzione nelle diverse lingue:

Quarta sez. A : Giulia Caforio, Ramona Enezi, Andrea Cosimo Guglielmo, Clarissa Lacorte, Sarah Maglio, Aleandro Mirilli, laura pellegrino, Carmelo Pomo, Manuel Scalera, Giulia Sconosciuto, Chiara Solito, Andrea Zofra, Emanuela Zurlo;

Quarta sez. B: Isabella Carparelli, Chiara Cito, Cristiano Colelli, Arianna Denitto, Simone Frangipane, Anna Frassica, Paolo Magrì, Francesca Mola, Ludovica Pezzuto, Gabriele Pulieri, Rosamaria Scalera.

Quinta sez. C: Aldo Agrimi, Andrea Mandurino.

I docenti che hanno coordinato i lavori di traduzione:

Prof.ssa Sabrina Calò e prof.ssa Maria Fino per la lingua inglese;

Prof.ssa Giovanna Carrino per la lingua francese;

Prof. Angelo Gagliani per la lingua tedesca;

e i Sig.ri:

Isabela Dziewonska e Wiktoria Szczepanska per la traduzione in lingua polacca;

Yang Shaofeng per la traduzione della presentazione in lingua cinese;

Cosimo Pasquale Scarciglia e Ilaria Perrucci per la traduzione in lingua spagnola.

I docenti, i tecnici e gli alunni che hanno curato la realizzazione del dvd:

Prof. Angelo Gagliani, Sig. Francesco Perrucci, Sig.Gregorio Italo Giulio Mignogna, Simone Aresta, Valentina Conte, Emanuela Rossetti, Anna Grazia Becci e Nicoletta Borrello.

I Sig.ri docenti che hanno contribuito, con le loro relazioni e i loro approfondimenti, alla realizzazione del progetto "Giovani e memoria" per gli anni scolastici 2016-2017 e 2017-2018:

Prof. Salvatore Lezzi, Prof. Giuseppe Pastore, Prof.ssa Maria Giovanna Caforio, Prof. Fortunato Sconosciuto, Prof. Erika Ranfoni, Prof.ssa Anna Lucia De Nitto, Prof.ssa Rosa Errico, Prof.ssa Amalia Perrone, Prof.ssa Adele Rini.

Al Sig. Dirigente Scolastico, Prof. Aldo Guglielmi per aver creduto nel progetto rendendone possibile la realizzazione.

Grazie a tutti

 

Viaggio della memoria ad Auschwitz


Pubblicata il 11 marzo 2018

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.